Una direttiva può bastare

03.04.2022

Proclami e (finte) innovazioni alla RAS

 "Attenziò  Concentraziò  Ritmo e Vitalità - Devo dare di gas voglio energia":

 cosi cantava il compianto Erriquez nella celeberrima canzone dei Bandabardò. 

Deve aver pensato la stessa cosa chi ha firmato la "Direttiva sul procedimento amministrativo, in particolare sui termini di conclusione dello stesso". Di che si tratta? A sentire l'eco datagli dalla stampa e dal sito istituzionale, si tratta di una grande rivoluzione per accelerare i tempi della burocrazia regionale; nella realtà è solo un bignamino di leggi esistenti che il Segretario Generale ha ricopiato per far paura ai dipendenti regionali perditempo. Ci sarebbe da chiedersi se era davvero questo il ruolo che il legislatore regionale aveva pensato per il Super Segretario onnipotente o se, invece, per giustificare l'inutilità della sua presenza si sia costretti a fargli firmare Direttive contenenti riassunti delle norme in vigore. Attendiamo fiduciosi che il S e g r e t a r i o Generale manifesti la stessa solerzia a ripristinare la legalità in tema di trasparenza... o ci vuole raccontare che è legittimo pubblicare solo i titoli delle Deliberazioni di Giunta senza poter visualizzarne il contenuto per mesi e mesi? Attendiamo.

Letizia Janas

Aprile - Testata Giornalistica Regionale
di Articolo Uno Sardegna