Superbonus 110: la “mozione Bersani”

10.06.2021

E' stato il tormentone dell'estate 2020 e lo sarà anche dell'estate 2021.

E' stato il tormentone della scorsa estate e probabilmente lo sarà anche della prossima. 

Non si tratta di una canzone ma del Superbonus, l'incentivo fiscale che ha elevato al 110% l'aliquota di detrazione delle spese sostenute per gli interventi di efficientamento energetico degli edifici. 

Il problema è che il Superbonus non durerà per sempre. Si sono confrontati sul tema, il 6 maggio scorso, i Rappresentanti di tutti i Partiti e dei Movimenti Politici, i Rappresentati delle sigle Sindacali, di Confindustria, di Legambiente, delle Associazioni dei Condomini, la Rete delle Professioni Tecniche e tanti altri, in un webinar organizzato dall'Associazione Nazionale dei Costruttori Edili (ANCE), moderato dal Giornalista Sebastiano Barisoni. 

L'incontro Pubblico con la Politica, dal titolo "lafilieraediliziaunitaperilsuperbonus", durante tutta la mattinata è stato l'occasione per evidenziare quelle che sono le opportunità e le criticità di uno strumento che ha creato molte aspettative e rispetto al quale sono state gettate le basi del confronto su un tema molto importante per un settore fondamentale del Paese. 

Chi fino ad oggi ha dedicato del tempo al tema Superbonus ha probabilmente capito quelle che sono le opportunità, ma ha anche capito che sono ancora tante le criticità e che gli obiettivi non potranno essere raggiunti nel breve termine, ma sarà necessaria una riforma strutturale affinchè possano essere pianificati tutti gli inteventi necessari per l'efficientamento energetico degli edifici pubblici e privati. 

Dalla semplificazione delle procedure e dalle riforme dipenderà l'esito del Superbonus e del Sismabonus in Italia: è quanto emerso dal dibattito durante il quale si è parlato anche di Piano di prevenzione sismica, di barriere architettoniche, di estensione delle misure alle Strutture ricettive e alle Scuole, ma anche di consumo zero del suolo, di modifiche al Codice degli Appalti e di Riforma della Pubblica Amministrazione. 

Poiché il provvedimento coinvolge molti settori della società, l'esigenza di semplificazione e la possibilità di proroga sono le costanti sulle quali tutti i protagonisti del webinarsi sono ritrovati d'accordo: sulla proposta di ammodernamento degli edifici del dopo guerra, sulla necessità di migliorare il sistema delle relazioni industriali, sul contrasto all'evasione fiscale. 

Non sono mancate proposte come quella di coinvolgere l'ANCI per creare nei Comuni sportelli per gli utenti. E' stato detto che la complessità della norma ostacola l'applicazione del Superbonus soprattutto nei condomini e nelle case popolari, ed è chiaro che un obiettivo cosi importante non si può raggiungere in poco tempo: anche se il Superbonus e il Sismabonus dovessero essere prorogati per alcuni anni e le misure dovessero essere estese agli Alberghi e alle Scuole, ci vorrà del tempo per progettare e realizzare interventi molto complessi, che necessitano di figure formate e specializzate: dai tecnici alle imprese edili, dai funzionari pubblici agli installatori di impianti. 

Verso la conclusione del dibattito il moderatore ha definito "Mozione Bersani" la proposta di formalizzare l'impegno che ha visto tutti d'accordo nel cercare di risolvere le problematiche affrontate durante il webinar: l'On. Pierluigi Bersani, oltre a chiedere l'impegno di tutti e a sollecitare le riforme, ha ricordato che creare lavoro è socialmente importantissimo e ha detto che le misure ambientali devono avere due obbiettivi: la crescita e il sociale. 

Sono trascorsi quasi dieci anni da quando ho conosciuto quella che già da allora veniva chiamata "Green Region", dove le tematiche sull'efficientamento energetico degli edifici le hanno affrontate da tempo, dove Edilizia e Ambiente sono sinonimi, dove la qualità della vita in Alto Adige è cosa nota. 

L'Italia probabilmente non è tutta uguale, c'è sicuramente un divario tra Nord e Sud, c'è ancora molta distanza tra centro e periferia, ci si dimentica spesso che ci sono anche le Isole.

L'Italia è fragile, ha un vasto territorio che necessita di cure e tutele, di manutenzioni e ricostruzioni. Ma l'Italia è anche Arte e Architettura, Centri Storici e Borghi, Ville e Palazzi, l'Italia è ricca di eccellenze e di competenze, anche nel settore dell'Edilizia, quindi credo e spero che con pazienza e costanza, con le giuste riforme e con le buone prassi, pure il settore dell'Edilizia nei prossimi anni sarà protagonista di un "Nuovo Rinascimento", anche grazie alla "Mozione Bersani".

Maurizio Serra

Aprile - Testata Giornalistica Regionale
di Articolo Uno Sardegna